Cerca
  • Luca Andreotti

COME RIABILITARE LA TENDINOPATIA DELL'ACHILLEO

Il tendine di Achille è il tendine più grande del corpo per una buona ragione, prende gran parte del carico quando corriamo, saltiamo o addirittura camminiamo! Questo tendine collega i muscoli del polpaccio al tallone e con una trasmissione di forza agisce come una molla quando si spinge il piede da terra. La tendinopatia dell'achilleo si ha quando il tendine di Achille è irritato o doloroso. La maggior parte delle persone che soffrono di tendinopatia sono individui attivi, dal guerriero del fine settimana all'atleta di alto livello. La tendinopatia sembra colpire tra il 7-30% nei corridori, il 2,1-5,1% nei calciatori e il 12,5% negli scalatori¹. Questo articolo ti mostrerà un approccio basato sull'evidenza e ti darà qualche dritta su come rieducare la tendinopatia dell'achilleo.


La tendinopatia di Achille può verificarsi dopo un singolo trauma o a causa di microtraumi ripetuti. Quest'ultima è più spesso la causa scatenante. Questa condizione è caratterizzata da dolore focale dietro il tallone, gonfiore dietro la caviglia, rigidità del polpaccio (spesso peggiore al mattino) e limitazioni nel camminare, correre e saltare. Questo articolo farà riferimento in particolare alla tendinopatia dell'Achilleo a metà porzione, che rappresenta la maggior parte delle disfunzioni di questo tendine (55-60%). Per essere classificata come tendinopatia di Achille a metà porzione, la lesione deve essere di 2-6 centimetri dal punto in cui il tendine di Achille si inserisce sull'osso (giunzione calcagno-tendine). L'Achille inserzionale (che rappresenta il 20-25% delle tendinopatie di Achille) e la tendinopatia prossimale (che rappresentano il 9-20%) vengono trattati in modo leggermente diverso rispetto al dolore al tendine della porzione media.


Se non sei certo di soffrire di tendinopatia, contatta un medico per la diagnosi oppure affidati a uno specialista.


COME RIABILITARE LA TENDINOPATIA DELL'ACHILLEO


Mentre la tendinopatia d'Achille è una diagnosi semplice, non vi è consenso su quale sia il modo più efficace di intervenire. Quando ci immergiamo nella letteratura troviamo numerosi interventi tra cui stretching, rieducazione neuromuscolare, terapia manuale, educazione del paziente / modifica dell'attività, rialzi del tallone, stecche notturne, ortesi, taping, terapia laser di basso livello, ionoforesi, aghi ed esercizio.


Di tutti questi, quale pensi sia l'UNICO intervento supportato da forti prove? Hai indovinato, il tanto a me caro esercizio!

È stato dimostrato che un carico meccanico riduce il dolore quando viene imposto sulla tendinopatia d'Achille a metà porzione. Proseguendo con la lettura, imparerai esercizi che inducono un carico meccanico. Ciò non vuol dire che non vi sia alcun beneficio con gli interventi alternativi quando si tratta di dolore al tendine; la modifica dell'attività e la ionoforesi sono effettivamente supportate da prove scientifiche concrete. La terapia manuale ha anche dimostrato di essere in grado di mitigare il dolore attraverso il massaggio e la gastron tecniche.


Hai provato ogni tipo di iniezione, massaggio, tecnica di taping, elettroterapia e farmaci senza risultati a lungo termine? Ecco una grande immagine dell'esperto di tendini Jill Cook, che mostra quanto sia importante migliorare la capacità di carico quando si tratta di rieducare la tendinopatia dell'Achilleo. La rieducazione dovrebbe concentrarsi principalmente sul centro di questo diagramma, ripristinando la capacità di questo tessuto attraverso il carico.


Le prove suggeriscono che l'esercizio dovrebbe essere il primo intervento nei pazienti con tendinopatia dell'Achilleo a metà porzione.


COSA DEVO FARE SE RILEVO UN INFORTUNIO AL TENDINE?


La modifica dell'attività è vitale immediatamente dopo una lesione, soprattutto se la lesione deriva dall'abuso del tendine. Durante questa fase acuta del dolore ai tendini, è fondamentale rimanere in movimento. Ci sono articoli che dimostrano come mantenere attivi i muscoli prossimali della caviglia aiuti a mantenere attivo il resto della catena cinetica. Sei curioso di saperne di più?


Contattami al 3401583596 oppure via mail: luca.andreotti88@gmail.com


Non è quasi mai consigliato lasciar riposare completamente un tendine. Eseguire movimenti attivi del piede e della caviglia consentirà almeno di mantenere mobile la parte inferiore della gamba. Sembra che il riposo sia dannoso per il tendine e distruttivo per la sua salute poiché i tendini hanno bisogno di un carico per mantenere la loro struttura. È indispensabile caricare il tendine d'Achille con l'obiettivo di irrigidire il tendine in modo che agisca di nuovo come una molla. Questo articolo ti guiderà attraverso diversi esercizi sui carichi che vanno dalle isometrie eccentriche e isotoniche.


ISOMETRIE PER RIEDUCARE IL TENDINE


Durante le prime fasi post-infortunio, gli esercizi isometrici sono un ottimo modo per gestire il dolore e contemporaneamente caricare il tendine. Il dolore creato a causa della tendinopatia non è divertente, per fortuna in letteratura la risposta al dolore ha dimostrato di cambiare abbastanza rapidamente. Un singolo esercizio in carico isometrico può essere sufficiente per ridurre il dolore. Solo perché il dolore viene mitigato con un esercizio non significa che la patologia non sia più presente. Attenersi a una progressione di esercizi di 6-12 settimane sembra essere il programma più efficace nel rimodellare il dolore dell'Achilleo. Per essere chiari, la rieducazione non significa che stiamo sistemando la patologia, piuttosto l'obiettivo qui è ridurre il dolore e migliorare la funzione. Non abbiamo prove di alta qualità per dire che un tendine degenerato può tornare a essere un tendine normale, tuttavia ciò non significa che non ti sentirai meglio! Cerca un professionista della rieducazione che ti guidi attraverso un'esposizione graduale al tendine se ti preoccupa farlo da solo.


Idealmente, queste contrazioni isometriche vengono eseguite a circa il 70% della contrazione massima, vengono mantenute per 45 secondi e ripetute per 5 round con una pausa di riposo di 2 minuti nel mezzo. Il 70% è pesante! In sostanza, il carico è pesante quanto tollerabile qui.






ECCENTRICI PER RIEDUCARE LA TENDINOPATIA DELL'ACHILLEO


L'attuale letteratura sul carico eccentrico per la tendinopatia a metà porzione è molto radicata. Esercizi eccentrici caricheranno il componente elastico o la molla del tendine. Alfredson originariamente rese popolare il protocollo eccentrico di caduta del tallone. Inizialmente raccomandava 180 cadute del tallone al giorno, tuttavia, ora ci rendiamo conto che un programma un pò più variegato, creerà gli stessi risultati delle 180 ripetizioni originali al giorno.


DOVREI PRATICARE STRETCHING PER IL RECUPERO DEL TENDINE D'ACHILLE?


Lo stiramento del polpaccio è spesso raccomandato per i pazienti con tendinopatia d'Achille; quando si guardava l'obiettivo di migliorare la gamma di movimento della caviglia attraverso la lunghezza del tendine muscolare, lo stretching si dimostrava non il migliore degli esercizi eccentrici. Questo perché un esercizio eccentrico è un muscolo che lavora e allunga allo stesso tempo. Ciò significa che quando si esegue un esercizio eccentrico, bisogna assicurarsi di passare attraverso l'intera gamma di movimento disponibile! Dovresti sentire un allungamento nel polpaccio alla fine del movimento.



ISOTONICA PER RIEDUCARE LA TENDINOPATIA DELL'ACHILLEO


Ci sono stati 4 protocolli di caricamento riportati in letteratura quando si discute su come rieducare la tendinopatia dell'Achilleo; questi includono l'allenamento del polpaccio in eccentrico, l'allenamento concentrico, l'allenamento eccentrico per sovraccarico e l'allenamento pesante a bassa resistenza. Questi protocolli sono stati confrontati nelle recensioni recenti, nessun protocollo sembra essere superiore quando si confrontano gli esiti nel dolore e nella funzione. Mentre le prove indicano che i protocolli di caricamento sono efficaci, i meccanismi responsabili del miglioramento non sono chiari.


Per questo motivo, poiché nessun protocollo specifico sembra essere superiore ad un altro, la ricerca è passata a una routine più pragmatica, che combina esercizi eccentrici e concentrici insieme. Ciò probabilmente significa che, con la tendinopatia, indurre un carico meccanico è terapeutico indipendentemente da come si carica il tendine. È stato dimostrato in letteratura che con la tendinopatia dell'Achilleo, c'è una diminuzione della rigidità del tendine stesso, che può essere migliorata con un forte rinforzo.


Gli esercizi isotonici sono ottimi in aggiunta agli esercizi eccentrici per numerose ragioni quando si ottimizzano le tecniche di rieducazione. L'isotonica rafforzerà ulteriormente il muscolo, tratterà la connessione mente-muscolo, rafforzerà la catena cinetica e affronterà i carichi di compressione necessari per attività di alto livello.



Il ruolo della parte inferiore della gamba è quello di fungere da molla. Un lavoro più veloce aumenterà in modo significativo il carico sul tendine d'Achille. Il tendine d'Achille immagazzinerà e rilascerà energia ad ogni passo o salto che facciamo. Il salto a gamba singola è un ottimo modo per migliorare la rigidità del tendine. Costruire capacità è fondamentale per l'individuo che desidera tornare allo sport o ad attività di livello superiore.


È importante notare che altri esercizi come squat, affondi e stacchi dovrebbero essere implementati per rafforzare l'intera catena cinetica mentre rieduchi una tendinopatia dell'Achilleo.


Ti interessa nello specifico rinforzare il tuo tendine?


contattami al 3401583596 oppure via mail: luca.andreotti88@gmail.com


CONCLUSIONE


Sebbene non possiamo invertire il processo di degenerazione di un tendine, possiamo migliorare i sintomi del dolore al tendine stesso. Se tu o qualcuno che conosci ha la tendinopatia dell'Achilleo di media proporzione, tieni conto che la prognosi e il processo di guarigione sono fantastici! Magnussen et al. hanno rilevato tassi di successo in un intervallo compreso tra il 60 e il 90% durante l'esecuzione di esercizi terapeutici; questo sembra essere più efficace negli uomini rispetto alle donne, e maggiore nella popolazione attiva rispetto a quella sedentaria. L'esercizio fisico dovrebbe essere la prima scelta nei pazienti con tendinopatia dell'Achilleo a metà porzione basandosi sulla letteratura attuale!


Jill Cook una volta disse: "Non dobbiamo cambiare la patologia per avere un buon risultato". Ci rendiamo conto che c'è un miglioramento della funzione che si verifica con l'esercizio, nonostante la patologia rimanga. L'esercizio fisico aiuta a rendere più robusto il tendine, il complesso muscolo-tendineo e la catena cinetica! Un sistema più robusto può tollerare richieste più elevate e quando la capacità supera le richieste, in genere non si verificano lesioni o dolore!


Altri interventi includono iniezioni di corticosteroidi (che dimostrano sollievo dal dolore a breve termine), iniezione di sclerosering (la ricerca suggerisce un ruolo clinico per la terapia della sclerosi per coloro che falliscono con esercizi eccentrici), iniezioni di plasma ricco di piastrine o PRP (che non hanno dimostrato alcun effetto positivo a parte l'ispessimento del tendine rispetto al placebo).


È stato suggerito di tentare un trattamento non invasivo per almeno 4 mesi prima di interventi operativi che includono tenotomie longitudinali percutanee, stripping minimamente invasivo del tendine, tenosinovectomie aperte, debridement e tubularizzazione aperti e aumento del tendine con allucis longus del flessore.


BIBLIOGRAFIA

  1. https://www.choosept.com/symptomsconditionsdetail/physical-therapy-guide-to-achilles-tendon-injuries-tendinopathy

  2. Nielsen RO, Rønnow L, Rasmussen S, Lind M. A prospective study on time to recovery in 254 injured novice runners. PLoS One. 2014;9:e99877

  3. Murphy et al. Rate of Improvement of Pain and Function in Mid-Portion Achilles Tendinopathy With Loading Protocols: A Systematic Review and Longitudinal Meta-Analysis. Sports Med. 2018.

  4. Magnussen, RA, Dunn, WR, Thomson, AB. Nonoperative treatment of midportion Achilles tendinopathy: a systematic review. Clin J Sport Med. 2009;19(1):54–64.

  5. Stevens et al. Effectiveness of the Alfredson Protocol Compared With a Lower Repetition-Volume Protocol for Midportion Achilles Tendinopathy: A Randomized Controlled Trial. Journal of Orthopaedic & Sports Physical Therapy. 2014.

  6. Woodley BL, Newsham-West RJ, Baxter GD. Chronic: effectiveness of the eccentric exercise. Br J Sports Med. 2007 Apr;41(4):188-98; discussion 199. Epub 2006 Oct 24.

  7. Nørregaard J, Larsen CC, Bieler T, Langberg H. exercise in the treatment of tendinopathy. Scand J Med Sci Sports. 2007 Apr;17(2):133-8.

  8. Martin R, Chimenti R, Cuddeford T. Achilles Pain, Stiffness, and Muscle Power Deficits: Midportion Achilles Tendinopathy Revision 2018. J Orthop Sports Phys Ther. 2018;48(5): A1-A38


ESCLUSIONE DI RESPONSABILITÀ - IL CONTENUTO QUI È PROGETTATO SOLO A SCOPO DELL'INFORMAZIONE E DELL'ISTRUZIONE E NON È DESTINATO A CONSULENZA MEDICA.

65 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Progressioni pliometriche in rieducazione

Gli esercizi pliometrici dovrebbero essere parte integrante di qualsiasi programma di rieducazione degli arti inferiori o di prevenzione degli infortuni per aumentare lo sviluppo di potenza e insegnar