Cerca
  • Luca Andreotti

LA VERITÀ SULLE LESIONI, IL PROTOCOLLO RICE

Praticando numerosi sport durante la mia vita mi è sembrato che la risposta all'infortunio fosse sempre più o meno la stessa, ci metti del ghiaccio e...RICE (Riposo, GHIACCIO, Compressione, Elevazione). Tuttavia, sembrava che non ci fosse un vero scopo o obbiettivo che giustificasse questa decisione, ma solo: è quello che gli allenatori hanno detto di fare! Negli ultimi tre anni mi son chiesto quanto segue: perché riposiamo, applichiamo ghiaccio, comprimiamo ed eleviamo dopo l'infortunio? Da dove proviene? Questa è ancora la migliore pratica? E così cercando e ricercando…

Prima di parlare della verità sulle lesioni e il protocolo RICE, è giusto fare un piccolo cenno! L'anno è il 1962 e un ragazzo di 12 anni dalla faccia lentigginosa salta su un vagone merci a Somerville, nel Massachusetts. Perché? È un ragazzo di 12 anni ed è un gioco pericoloso. Il treno viaggia sotto un ponte e il ragazzo, Everett Knowles, non tenendosi abbastanza bene il piolo della scala cade e finisce con il braccio sotto al treno. Ciò si traduce in un braccio quasi completamente tagliato dal suo corpo. Viene portato di corsa all'ospedale dove, per la prima volta nella storia, il dott. Ronald Malt decide di ricollegare chirurgicamente il braccio. Nel processo di ricostruzione la squadra dei chirurghi, ordina di preservare il braccio mettendolo nel ghiaccio. L'intervento dura circa 15 ore ed è un successo.

Dopo questo successo, il Dr. Malt e il suo team viaggiano in tutto il mondo spiegando l'intervento chirurgico. In una conferenza stampa un giornalista chiede "se incontriamo una persona con un braccio reciso, cosa dovremmo fare?" Egli risponde: "Non fatevi prendere dal panico, posizionate l'arto sul ghiaccio, fermate l'emorragia usando un laccio emostatico ed elevatelo sopra il cuore". Questo diventa allora noto rispettivamente come riposo, ghiaccio, compressione, elevazione. Il termine è coniato e introdotto nella medicina dello sport dal Dr. Robert Mirkin nel suo bestseller The Sportsmedicine nel 1978. Dal 1978 ad oggi, il RICE è il principio più usato per le lesioni acute / iniziali.

PERCHÉ USIAMO ANCORA IL PRINCIPIO RICE?

Al fine di comprendere la teoria proposta sul perché questo principio viene utilizzato, dovremo fare un tuffo profondo nella fisiologia di base della lesione muscolo-scheletrica acuta. La risposta iniziale è una risposta immunitaria complessa con l'obiettivo di "attaccare". Per una descrizione molto, molto, molto dettagliata di questo processo, consulta l'articolo di Tidball 2017. In questa fase, la vasocostrizione si verifica per fermare l'emorragia e vari globuli bianchi vanno nell'area per eliminare l'invasore. Durante il processo, è probabile che si verifichino danni secondari all'area. La seconda parte della fase infiammatoria iniziale è caratterizzata dalla vasodilatazione per portare il sangue nell'area con funzione di "ricostruire" o "rigenerare". È importante notare che entrambe queste risposte infiammatorie sono necessarie per la guarigione. Gli effetti della fase infiammatoria provocano arrossamento, gonfiore / edema, ipersensibilità e nocicezione. Chiameremo questa fase "congestione". Si ritiene che il principio del RICE riduca la congestione e diminuisca l'infiammazione per aiutare a riprendersi da un infortunio.


Se volete maggior informazioni sui tempi di recupero vi consiglio questo articolo:

https://www.nonemaitroppotardivaredo.com/post/cosa-devi-sapere-sulla-guarigione-dei-tessuti

IL RICE È ANCORA LA MIGLIORE PRATICA?

…No. L'infiammazione non è il cattivo e in realtà il NECESSARIO che avvenga per la guarigione. Ricordi il dottor Mirkin? Ha coniato il termine RICE nel 1978, ma recentemente ha scritto: "Gli allenatori hanno usato la mia linea guida" RICE "per decenni, ma ora sembra che sia il ghiaccio che il riposo completo possano ritardare la guarigione, invece di aiutare." Approfondiamo un po’ più a fondo questo argomento.


Quando si verifica una lesione muscoloscheletrica acuta, vogliamo prima escludere eventuali fratture, lussazioni o qualsiasi altra cosa che richiederebbe un rinvio per la medicina di emergenza. Successivamente, vogliamo decongestionare l'area congestionata. Affinché ciò accada, dobbiamo utilizzare il sistema linfatico. Questo sistema è un collettivo di vasi e organi che si basa principalmente sul pompaggio estrinseco del muscolo scheletrico e sulla respirazione per liberare i nostri corpi da rifiuti, tossine e liquidi extra.



La compressione può aiutare a ridurre il gonfiore, ma la contrazione muscolare è più vantaggiosa a causa delle differenze di pressione. Ad esempio, la maggior parte degli indumenti a compressione ha una pressione di circa 30-40 mmHg, mentre la contrazione del polpaccio provoca circa 200 mmHg di pressione sulle vene locali. Questo è anche il motivo per cui il riposo assoluto non è probabilmente la migliore pratica dopo l'infortunio. La contrazione muscolare e la respirazione sono necessarie per decongestionare l'area; forse il classico commento del coaching "datti da fare" non era il peggior consiglio! Il movimento stimola la guarigione attraverso il processo di meccanotrasduzione. L'elevazione può anche essere ancora eseguita, tuttavia, questo è supportato da prove deboli ed è più raccomandato a causa del basso rapporto rischio-beneficio. Questo riguarda la R, la C e la E di RICE, ma voglio sapere la verità sull'utilizzo del ghiaccio!

È stato raccomandato l'uso del ghiaccio per i benefici antinfiammatori proposti. Questo è molto vero per l'ibuprofene, che è significativamente abusato dai nostri giovani atleti. Come detto sopra, vogliamo che si verifichi un'infiammazione poiché è necessario iniziare il processo di guarigione. Ricerche recenti hanno dimostrato che i farmaci antinfiammatori e il ghiaccio possono essere dannosi per la guarigione dei tessuti a lungo termine. Il ghiaccio è comunemente usato nel baseball dopo il lancio. Attualmente, le squadre di 10/30 MLB non fanno più uso di ghiaccio dopo la partita. Ricerca condotta da Tseng et al. Il 2013 ha riscontrato segni di danno muscolare dopo l'applicazione del raffreddamento topico a seguito di un esercizio eccentrico rispetto a un'applicazione falsa. Inoltre, uno studio randomizzato controllato di Prins et al. Il 2011 ha testato l'efficacia della terapia del ghiaccio nelle fasi iniziali di una lacerazione del muscolo del polpaccio. Hanno confrontato due gruppi, gruppo di ghiaccio attivo vs gruppo di controllo, e hanno esaminato la capacità funzionale, il tempo di tornare al lavoro e il sollievo dal dolore. Hanno concluso, "l'uso del ghiaccio non è benefico per le persone che ricevono la terapia del ghiaccio". È importante sottolineare che la ricerca sul ghiaccio / sulla crioterapia ha i suoi difetti metodologici (o sai che è ghiaccio o non è ...), quindi non possiamo arrivare a una conclusione con piena certezza.

Perché, allora, il ghiaccio può ancora sembrare d'aiuto con il dolore? I benefici del ghiaccio probabilmente risiedono nel fatto che la maggior parte delle persone crede che li farà sentire meglio. È improbabile che un impacco di ghiaccio stia raggiungendo le profondità per fare davvero un cambiamento fisiologico nel sito della lesione. Bleakley e Hopkins 2013 hanno dichiarato: “Sulla base di modelli umani sani, è difficile indurre grandi riduzioni della temperatura intramuscolare o articolare, in particolare in circostanze di lesioni dei tessuti profondi o aree con livelli più alti di grasso corporeo. La temperatura muscolare superficiale riportata più bassa (1 cm sottoadiposa) dopo la crioterapia è di 21 ° C, in una popolazione atletica magra. Raggiungere temperature soglia attualmente accettate per la riduzione metabolica (5-15 ° C) sembra improbabile. " È probabile che il trattamento superficiale del ghiaccio provochi un cambiamento nella sensibilità del nostro sistema nervoso che porta a una migliore percezione della zona lesa.

DUNQUE, QUAL'E' LA PRATICA MIGLIORE PER IL DANNO MUSCOLARE IN ACUTO?



Il principio del RICE è passato dal RICE fino ad oggi diventare PEACE & LOVE

Finalmente la verità sulle ferite! Descriveremo ciò che ora utilizziamo per gli atleti di tutte le età quando si verifica una lesione acuta:

Escludere qualsiasi condizione che richieda il rinvio in ospedale. Se non è necessario alcun rinvio, informare l'atleta di queste informazioni per creare sicurezza e ridurre la paura o l'incertezza.


HAI BISOGNO DI APPROFONDIMENTI SULLE FRATTURE? ECCOTI UN VIDEO GIUSTO PER TE!


https://www.nonemaitroppotardivaredo.com/post/lesioni-e-fratture-da-stress-osseo


Valutare la tolleranza immediata per caricare e identificare il carico ottimale. Il carico ottimale dipende dalla risposta ai sintomi. Possono spostare leggermente l'area lesa senza che il peso venga messo su di essa? Se sì, allora quanto peso può essere messo sull'area lesa? L'atleta può camminare, zoppicare o non può accettare alcun carico attraverso l'area?

Hanno speranze di tornare a giocare nello stesso giorno? Se sì, allora non userò il ghiaccio. La ricerca ha dimostrato che l'applicazione del ghiaccio per più di cinque minuti riduce la forza, la potenza e le prestazioni a breve termine. Se si utilizza il ghiaccio, è necessario un periodo di riscaldamento prima che l'atleta proceda a movimenti di livello superiore. Invece, utilizzeremo un carico ottimale e progrediremo fino a quando l'atleta non si sentirà sicuro con uno schermo rapido a margine delle esigenze specifiche dello sport (corsa, salto, assorbimento del contatto, ecc.)

Se l'atleta comunica di non voler tornare a giocare nello stesso giorno, passiamo a un esercizio senza dolore seguito da compressione, elevazione, educazione, evitando farmaci antinfiammatori e ghiaccio (se lo vogliono DAVVERO).

Il nostro obiettivo è introdurre movimenti sicuri ai nostri giovani atleti dopo la loro prima esperienza di infortunio, consentendo loro di imparare che il movimento e la prospettiva li hanno resi migliori, non il ghiaccio. In futuro, speriamo di usare il ghiaccio solo per i casi di esaurimento da calore. Pertanto, concludo dicendo che: la verità sull'utilizzo del ghiaccio nelle lesioni e la sua efficacia, per le lesioni muscoloscheletriche acute è dovuta alla convinzione che aiuterà, ai cambiamenti nella conduzione del nervo sensoriale e alla capacità del ghiaccio di sciogliersi e diventare acqua per idratare l'atleta.

REFERENCES

1. Available at: http://www.thesomervilletimes.com/archives/36886

2. Available at: https://www.drmirkin.com/fitness/why-ice-delays-recovery.html

3. Tidball JG. Regulation of muscle growth and regeneration by the immune system. Nat Rev Immunol. 2017;17(3):165-178.

4. Smith C, Kruger MJ, Smith RM, Myburgh KH. The inflammatory response to skeletal muscle injury: illuminating complexities. Sports Med. 2008;38(11):947-69.

5. Moore JE, Bertram CD. Lymphatic System Flows. Annu Rev Fluid Mech. 2018;50:459-482.

6. Tseng CY, Lee JP, Tsai YS, et al. Topical cooling (icing) delays recovery from eccentric exercise-induced muscle damage. J Strength Cond Res. 2013;27(5):1354-61.

7.   Singh DP, Barani Lonbani Z, Woodruff MA, et al. Effects of topical icing on inflammation, angiogenesis, revascularization, and myofiber regeneration in skeletal muscle following contusion injury. Front Physiol2017;8: 93.

8. Prins JC, Stubbe JH, Van meeteren NL, Scheffers FA, Van dongen MC. Feasibility and preliminary effectiveness of ice therapy in patients with an acute tear in the gastrocnemius muscle: a pilot randomized controlled trial. Clin Rehabil. 2011;25(5):433-41.

9. C. M. Bleakley & J. T. Hopkins (2010) Is it possible to achieve optimal levels of tissue cooling in cryotherapy?, Physical Therapy Reviews, 15:4, 344-350,

10. Esperanza Herrera, Maria C. Sandoval, Diana M. Camargo, Tania F. Salvini, Motor and Sensory Nerve Conduction Are Affected Differently by Ice Pack, Ice Massage, and Cold Water Immersion, Physical Therapy, Volume 90, Issue 4, 1 April 2010, Pages 581–591

11. Bleakley CM, Glasgow PD, Phillips N, et al. Guidelines on the management of acute soft tissue injury using protection rest ice compression and elevation. London: ACPSM, 2011.

12. Bleakley CM, Glasgow P, MacAuley DC. Price needs updating, should we call the police? Br J Sports Med2012;46: 220-1.

13. Doherty C, Bleakley C, Delahunt E, et al. Treatment and prevention of acute and recurrent ankle sprain: An overview of systematic reviews with meta-analysis. Br J Sports Med2017;51: 113-25.

14. Duchesne E, Dufresne SS, Dumont NA. Impact of inflammation and anti-inflammatory modalities on skeletal muscle healing: From fundamental research to the clinic. Phys Ther Sport2017;97: 807-17.

15. Hansrani V, Khanbhai M, Bhandari S, et al. The role of compression in the management of soft tissue ankle injuries: A systematic review. Eur J Orthop Surg Traumatol 2015;25: 987-95.

16. Khan KM, Scott A. Mechanotherapy: How physical therapists’ prescription of exercise promotes tissue repair. Br J Sports Med2009;43: 247-52.

17. Blaise Dubois et al.,Soft tissue Injuries simply need PEACE & LOVE British Journal of Sports Medicine, 2020 Khan KM, Scott A Mechanotherapy: how physical therapists’ prescription of exercise promotes tissue repair British Journal of Sports Medicine 2009;43:247-252.

187 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

©2019 by Non è mai troppo tardi. Proudly created with Wix.com