Cerca
  • Luca Andreotti

"No pain, No gain" è davvero una verità?

Vi è mai capitato di andare in palestra ad allenarvi e sentire dolore? A volte capita e di solito ci si rivolge al medico. Questo vi prescriverà una ricetta per della terapia fisica, fisioterapia osteopatia o meglio rieducazione del movimento, la chinesiologia. Così il tuo chinesiologo ti dice che devi iniziare a fare esercizio, ma non fare esercizi che ti causano dolore! Questo ti mette in una situazione frustrante, dove spesso ci si domanda ma come faccio a fare il movimento che mi fa male, senza sentire dolore? Se provi dolore durante l'esercizio e devi evitarlo, come puoi esercitarti per ridurre il dolore? Hai sentito la frase: No Pain, No Gain "nessun dolore, nessun guadagno!" ma non suona molto scientifico, vero? Quindi quale è la risposta? La rieducazione dovrebbe essere indolore? O dovresti ignorare il tuo dolore e sorridere e sopportarlo? Questo articolo risponderà a queste domande e ti fornirà strategie scientifiche per rieducare un infortunio doloroso!


LA RIEDUCAZIONE DOVREBBE ESSERE SENZA DOLORE? OPPURE E' VERO IL DETTO NESSUN DOLORE NESSUN GUADAGNO?


La frase "nessun dolore, nessun guadagno" ha guadagnato popolarità negli anni '80, quando Jane Fonda la usava ripetutamente durante i suoi video di allenamento (nota dell'autore: ho trovato questo fatto su Wikipedia - non ho mai visto o fatto un video di allenamento di Jane Fonda). Da allora, è stato utilizzato da allenatori di calcio, bodybuilder e altri gruppi di persone da cui in genere non dovresti mai prendere consigli medici. All'estremità opposta, i chinesiologi e i medici spesso dicono ai pazienti che è fondamentale evitare esercizi che sono dolorosi, poiché il dolore è il modo in cui il corpo ti dice di STOP!

TUTTAVIA, la ricerca negli ultimi decenni ha risposto in modo inequivocabile a questa domanda: la rieducazione NON ha bisogno di essere priva di dolore! Questa domanda è stata recentemente risolta sotto forma di una meta-analisi, che è il più alto livello di evidenza scientifica nella nostra professione. Una meta-analisi è essenzialmente un documento di ricerca che combina una serie di documenti di ricerca sullo stesso argomento per aumentare la forza della loro conclusione.


Questa particolare meta-analisi ha combinato 9 diversi studi che indagano sulla rieducazione del dolore muscoloscheletrico cronico utilizzando esercizi senza dolore o esercizi che incoraggiano o consentono un po 'di dolore. Hanno concluso che i gruppi che consentivano il dolore con esercizi di rieducazione avevano risultati significativamente migliori a 3 mesi dall'inizio del trattamento. Inoltre, non hanno trovato differenze significative tra i gruppi da 3 a 12 mesi e dopo 12 mesi. Utilizzando queste informazioni gli autori hanno concluso che il dolore con gli esercizi non ha bisogno di essere evitato e in realtà offre benefici a breve termine rispetto agli esercizi senza dolore. Questa è una grande vittoria sia per i pazienti che per i terapisti. Cercare di costruire forza e funzionalità evitando totalmente il dolore è spesso impossibile e il motivo per cui un paziente non riesce a migliorare. Questa ricerca fornisce conforto che lavorare attraverso un pò di dolore per affrontare deficit specifici porterà a miglioramenti più rapidi rispetto all'evitare il dolore! Questo ci aiuterà a costruire le nostre basi educative quando parliamo con pazienti che sono modellati nel concetto di nessun dolore senza guadagno!


NON DOLORE NESSUN GUADAGNO CON LESIONI DEI TESSUTI MOLLI (MUSCOLI)?


Ora che abbiamo stabilito che il dolore con la rieducazione in genere non ha bisogno di essere completamente evitato, esaminiamo alcuni risultati per problemi specifici. Gli strappi muscolari sono alcune delle lesioni più comuni e alcune delle più difficili da recuperare senza dolore. Fortunatamente uno studio che confronta i risultati di uomini che rieducano lesioni ai muscoli posteriori della coscia utilizzando la rieducazione senza dolore o la rieducazione che consente il dolore fino a 4/10 non ha riscontrato effetti negativi del programma che ha permesso di svolgere l'esercizio con la presenza di dolore. Inoltre, hanno scoperto che il gruppo a cui era permesso di lavorare con un pò di dolore aveva una forza del tendine del ginocchio maggiore del 15% al momento del rientro in capo e al follow up post due mesi. Questa maggiore forza offre evidenti vantaggi sotto forma di prestazioni migliori e riduzione del rischio di lesioni.



E LE LESIONI DEI TENDINI?


Come funziona il no Pain no Gain nelle lesioni tendinee? Le tendinopatie forniscono alcune delle migliori prove a favore di consentire il dolore durante la rieducazione, utilizzando il monitoraggio del dolore. Il monitoraggio del dolore (illustrato di seguito) viene utilizzato per consentire ai pazienti di misurare il livello di dolore che hanno sia durante un esercizio che nelle 24 ore successive.


Utilizzando questo modello e le regole incluse di seguito Silbernagel et al. hanno dimostrato che caricare il tendine in presenza di dolore </ = 5/10 produce risultati superiori per i pazienti che soffrono di tendinopatie dell'achilleo o del rotuleo.


Silbernagel et al. 2007


Vediamo alcuni punti cruciali riguardo a questo modello: Il dolore di 2-5 / 10 è effettivamente incoraggiato rispetto al dolore di 0-2 / 10. Queste linee guida riguardano sia l'esecuzione dell'esercizio che un periodo fino a 24 ore dopo. I sintomi dovrebbero migliorare nel complesso di settimana in settimana. Le linee guida si sono dimostrate efficaci per attività al di fuori del Fitness o dell'allenamento in generale, ma riguardano solo ed esclusivamente situazioni di recupero fisico .






E IL DOLORE ALLE OSSA O ALLE ARTICOLAZIONI?


Il modello di monitoraggio del dolore si è dimostrato efficace nel trattamento del dolore femoro-rotuleo e dell'osteoartrite dell'anca e del ginocchio. Uno studio su 10.000 pazienti con artrosi in Danimarca ha rilevato che in media questi pazienti avvertono un aumento del dolore del 10% quando iniziano a fare esercizio. Tuttavia, hanno anche scoperto che questi pazienti possono aspettarsi un sollievo dal dolore del 25% in sole 6 settimane di esercizio 2 volte a settimana! In effetti, gli effetti dell'esercizio che utilizza la scala di monitoraggio del dolore sono così profondi nei pazienti con artrosi del ginocchio che in un gruppo di pazienti predisposti per la protesi totale di ginocchio, più del 75% ha scelto di non sottoporsi a intervento chirurgico un anno dopo un programma di terapia fisica di 12 settimane. Questi enormi miglioramenti sono probabilmente dovuti al fatto consolidato che il miglioramento della forza muscolare può ridurre lo stress posto sulle nostre articolazioni durante le attività della vita quotidiana.



IN CONCLUSIONE


Tutto sommato, "No Pain, No Gain" non è sempre la risposta sbagliata, bisogna capire a fondo cosa vuol dire! Ecco alcuni suggerimenti principali:

- Il dolore durante la rieducazione va bene e in molti casi è benefico per il tuo recupero.

- Il modello di monitoraggio del dolore è il modo più efficace per sollecitare gli adattamenti necessari per il recupero evitando il peggioramento delle lesioni.

- Anche se piccoli aumenti del dolore durante la rieducazione vanno bene, è importante che i sintomi migliorino di settimana in settimana.

Quando non sei sicuro che un esercizio sia sicuro, ricorda solo 2 semplici regole:

- Il tuo dolore durante e dopo un esercizio dovrebbe essere tollerabile

- Un aumento del dolore di giorno in giorno è causa della diminuzione dell'intensità degli esercizi che stai eseguendo.


REFERENCES

  1. Silbernagel KG, Thomeé R, Eriksson BI, Karlsson J. Continued sports activity, using a pain-monitoring model, during rehabilitation in patients with Achilles tendinopathy: a randomized controlled study. Am J Sports Med. 2007;35(6):897-906. doi:10.1177/0363546506298279

  2. Smith BE, Hendrick P, Smith TO, et al. Should exercises be painful in the management of chronic musculoskeletal pain? A systematic review and meta-analysis. Br J Sports Med. 2017;51(23):1679-1687. doi:10.1136/bjsports-2016-097383

  3. Hickey JT, Timmins RG, Maniar N, et al. Pain-Free Versus Pain-Threshold Rehabilitation Following Acute Hamstring Strain Injury: A Randomized Controlled Trial [published online ahead of print, 2019 Jun 28]. J Orthop Sports Phys Ther. 2019;1-35. doi:10.2519/jospt.2019.8895

  4. Silbernagel KG, Thomeé R, Thomeé P, Karlsson J. Eccentric overload training for patients with chronic Achilles tendon pain–a randomised controlled study with reliability testing of the evaluation methods. Scand J Med Sci Sports. 2001;11(4):197-206. doi:10.1034/j.1600-0838.2001.110402.x

  5. Couppé C, Svensson RB, Silbernagel KG, Langberg H, Magnusson SP. Eccentric or Concentric Exercises for the Treatment of Tendinopathies?. J Orthop Sports Phys Ther. 2015;45(11):853-863. doi:10.2519/jospt.2015.5910

  6. Thomeé R. A comprehensive treatment approach for patellofemoral pain syndrome in young women. Phys Ther. 1997;77(12):1690-1703. doi:10.1093/ptj/77.12.1690

  7. Sandal LF, Roos EM, Bøgesvang SJ, Thorlund JB. Pain trajectory and exercise-induced pain flares during 8 weeks of neuromuscular exercise in individuals with knee and hip pain. Osteoarthritis Cartilage. 2016;24(4):589-592. doi:10.1016/j.joca.2015.11.002

  8. Sandal LF, Roos EM, Bøgesvang SJ, Thorlund JB. Pain trajectory and exercise-induced pain flares during 8 weeks of neuromuscular exercise in individuals with knee and hip pain. Osteoarthritis Cartilage. 2016;24(4):589-592. doi:10.1016/j.joca.2015.11.002

  9. Skou ST, Roos EM. Good Life with osteoArthritis in Denmark (GLA:D™): evidence-based education and supervised neuromuscular exercise delivered by certified physiotherapists nationwide. BMC Musculoskelet Disord. 2017;18(1):72. Published 2017 Feb 7. doi:10.1186/s12891-017-1439-y

  10. Skou ST, Roos EM, Laursen MB, et al. A Randomized, Controlled Trial of Total Knee Replacement. N Engl J Med. 2015;373(17):1597-1606. doi:10.1056/NEJMoa1505467


Dichiarazione di non responsabilità - Il contenuto qui è progettato esclusivamente a scopo informativo e educativo e non è destinato a consulenza medica.

8 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Il Clean: tra falsi miti ed esercizi correttivi

Questa articolo vuole approfondire il gesto del clean attraverso gli occhi di un atleta in viaggio per diventare uno studioso. Discuteremo un ampio spettro di errori e nomi impropri, insieme a spunti