Cerca
  • Luca Andreotti

Non sei la tua risonanza magnetica: quando un dolore non può essere descritto da una immagine


NON SEI LA TUA RISONANZA MAGNETICA (RMN)!


Le risonanze magnetiche per la lombalgia, specialmente quando si tratta di lombalgia muscolo-scheletrica, non sono solo poco utili, ma possono effettivamente causare più danni che benefici. Se tu ed io (entrambi individui sani) facessimo una risonanza magnetica, posso quasi garantire che nei nostri risultati potremmo leggere qualcosa che suona più o meno così: "lievi alterazioni degenerative a L5 - S1". O anche "leggero bulge del disco a L3-4". Oppure: "schiacciamento tra L5-S1".

Questo significa che se non posso camminare è perchè mi fa male la schiena da giorni? No.

Se la mia schiena inizia a fare male, significa che il dolore proviene dal mio "disco degenerato"? Probabilmente no.

Potrebbe, più probabilmente, essere causato da come hai dormito la notte scorsa oppure perché non hai fatto correttamente l'hip hinging durante lo stacco di ieri o da un problema viscerale di varia natura o addirittura da un problema visivo, stomatognatico o podalico. Solo perché ci sono "risultati" scritti sul referto di una risonanza magnetica, NON significa che sia la causa della tua lombalgia.


Odio dirtelo, ma la risonanza magnetica non dovrebbe decidere o dire al tuo terapista come trattarti. Perché indovina un pò, tu e Mario Rossi potete avere gli stessi esatti risultati della RMN, ma Mario potrebbe avvertire un dolore altissimo, mentre tu potresti sentirti in forma come un triatleta. Un Osteopata ti tratterà in base alla primarietà che troverà. Prenderà in considerazione la tua cartella clinica in toto. Quali cose ti fanno sentire peggio o meglio. Quali disfunzioni hai. Di quali movimenti hai bisogno. Non solo ciò che un'immagine mostra, poiché la risonanza magnetica di tutti mostrerà sicuramente qualcosa.


Ora, non fraintendermi: le risonanze magnetiche hanno sicuramente una valenza e sono uno strumento utile per escludere i grandi brutti mali come i tumori o la compressione del midollo spinale. Tuttavia, molte persone si affrettano a fare una risonanza magnetica nel momento in cui provano un pò di disagio. E quando noi terapisti non riusciamo ad educare i nostri pazienti sui risultati della loro RMN, stiamo fallendo. Le parole "degenerazione" o "rigonfiamento del disco" non sono parole così scoraggianti per gli addetti ai lavori, ma se non sei così preparato probabilmente potresti spaventarti e non poco, giusto?

Se non istruiamo il pubblico sui risultati radiografici / RMN, è naturale le persone si sentano spaventate e si fissino sulle immagini. È una spirale discendente per molti. Questo è il motivo per cui le risonanze magnetiche per la lombalgia - senza un'adeguata educazione - possono causare più danni che benefici.



Per riassumere, ecco una citazione diretta da un'importante recensione del 2014 di Brinjikji et al: "i segni di degenerazione sono presenti in percentuali molto elevate in persone sane senza alcun problema. Molte caratteristiche degenerative basate sull'imaging sono probabilmente parte del normale invecchiamento e non associate al dolore. "


In conclusione: quando voi, o il vostro terapista, sentite il bisogno di eseguire una RMN ricordatevi sempre che quello che verrà a galla, non necessariamente sarà la fonte del vostro dolore.


ESCLUSIONE DI RESPONSABILITÀ - IL CONTENUTO QUI È PROGETTATO SOLO PER SCOPI DI INFORMAZIONE E ISTRUZIONE E NON È DESTINATO A CONSULENZA MEDICA.

63 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

©2019 by Non è mai troppo tardi. Proudly created with Wix.com