Cerca
  • Luca Andreotti

Tendinite contro tendinosi: importanti differenze per il trattamento e la rieducazione.

Se hai subito un infortunio in precedenza, o se lavori in ambito sanitario, hai sentito la parola "tendine" con varie desinenze dopo la radice di questa parola, sia che si tratti di "tendinosi", "tendinite", "Paratenonite", "tenosinovite" o "tendinopatia". La terminologia alla base delle varie condizioni dei tendini è incoerente nel campo dell'assistenza sanitaria, il che può portare a confusione per i pazienti e persino a diagnosi errate da parte dei professionisti. In realtà, è davvero importante? Ad esempio, pensa al tendine d'Achille. Il trattamento cambierà se qualcuno ha una tendinite dell'Achilleo rispetto a una tendinosi al tendine d'Achille? La risposta è si! Inoltre, è estremamente importante che le persone non solo ricevano la diagnosi corretta da un professionista sanitario, ma comprendano anche il ruolo che devono svolgere nell'aiutare a facilitare un processo di guarigione ottimale. In quest'articolo esamineremo le importanti differenze tra tendinite e tendinosi, perché queste differenze sono importanti da comprendere e le strategie di trattamento basate sull'evidenza per queste condizioni.


DIFFERENZE TRA TENDINITE E TENDINOSI: CHE COS'È UN TENDINE?


Un tendine è un tessuto connettivo denso, forte e fibroso che collega i muscoli alle ossa. Questi tessuti aiutano a trasferire le forze create dai nostri muscoli alle nostre ossa, rendendo realizzabili i movimenti articolari. Biologicamente, la composizione di un tendine condivide tratti simili a un legamento, con alcune sottili differenze. Entrambi sono costituiti da fibre di collagene parallele, in particolare il collagene di tipo I, che è il tipo più abbondante di collagene nel corpo umano. Un articolo di Wang et. al nel Journal of Hand Therapy fornisce un'eccellente revisione della biomeccanica dei tendini (movimento articolare) e della biologia (1).



Rispetto ad altri tessuti, come l'osso, ad esempio, i tendini hanno un minore apporto di sangue disponibile, il che può portare a difficoltà con la guarigione dei tessuti. Per saperne di più su questo concetto rispetto ai vari tipi di tessuto, leggi sul mio blog l'articolo sulla guarigione dei tessuti!

LEGGI: https://www.nonemaitroppotardivaredo.com/post/cosa-devi-sapere-sulla-guarigione-dei-tessuti

LE IMPORTANTI DIFFERENZE TRA TENDINITE VS. TENDINOSI


Ora che hai capito cos'è un tendine, possiamo discutere le differenze tra i termini tendinite e tendinosi. Un modo semplice per scomporre questi termini per aiutare a comprendere il significato dietro di essi è che "ite" è correlato all'infiammazione poiché "osi" è correlato alla degenerazione. Andremo più in dettaglio in seguito.


La tendinite è una lesione in cui il corpo di un particolare tendine è infiammato. Ciò può accadere se qualcuno ha un rapido aumento del livello di attività con molto volume, come fare giardinaggio per diverse ore o giocare a tennis per tanto tempo. Per essere diagnosticata con precisione, in un individuo ci devono essere almeno due fattori: aver subito una lesione acuta e, cosa più importante, ci deve essere segno di infiammazione. Tuttavia, poiché la letteratura recente ha continuato ad evolversi nel corso degli anni, la tendinite è stata definita in maniera incongruente, poiché fornisce una descrizione poco chiara della patologia clinica.


Tuttavia è bene osservare che, poiché i ricercatori hanno esaminato al microscopio i dettagli dei tendini danneggiati, molte volte NON c'è infiammazione nel tessuto (questo aspetto lo vedremo più avanti nell'articolo).


TENDINOSI


A differenza della tendinite che è correlata all'infiammazione di un tendine, la tendinosi si traduce in degenerazione cronica di un tendine, che è correlata a lesioni da uso eccessivo. Come discusso in precedenza, ciò che è stato supportato dalla ricerca guardando la composizione biologica di un tessuto con tendinosi, è la mancanza di infiammazione. Un articolo di Almekinders e Temple, che comprendeva un'analisi di 14 articoli che esaminano le lesioni del tendine da uso eccessivo, NON ha trovato prove di un processo infiammatorio all'interno del tendine di Achille o rotuleo, né dei tendini che circondano la spalla e il gomito (2). Ancora più importante della mancanza di infiammazione è che le alterazioni degenerative presenti con una tendinosi NON sono sempre associate a sintomi clinici, il che significa che si potrebbe avere un tendine degenerato senza dolore o problemi! Il pattern tissutale della tendinosi è stato ben supportato in letteratura. Le fibre di collagene perderanno il loro normale orientamento parallelo, nonché il loro diametro e densità. Inoltre, il normale collagene di tipo I in un tessuto sano può iniziare a tradursi nel collagene di tipo III più immaturo che è presente nei tessuti danneggiati. Le sezioni trasversali di questi tendini diventano più fragili, sfilacciate, assottigliate e interrotte.


Questo concetto di collagene sano rispetto a quello malsano è rappresentato nell'immagine qui sotto. A sinistra, nell'immagine A, le fibre di collagene NON corrono in modo organizzato e parallelo, mentre a destra, nell'immagine B, le fibre di collagene corrono in modo parallelo e organizzato, dimostrando un tessuto di collagene più sano.


TENDINITE CONTRO TENDINOSI: ORIENTAMENTO DELLA FIBRA DI COLLAGENE


immagine da: Wikimedia


DIFFERENZE TRA TENDINITE E TENDINOSI: E IL TERMINE TENDINOPATIA?


Quando si verificano lesioni all'interno del corpo, è difficile e spesso poco pratico esaminare al microscopio ciò che sta accadendo esattamente da un punto di vista fisiologico all'interno del tessuto. Questo è il motivo per cui è spesso difficile distinguere con precisione come professionista se un tendine è effettivamente infiammato o se ci sono semplicemente cambiamenti degenerativi nel tessuto senza prove visive concrete. Gli autori hanno sostenuto che, a meno che non vi sia una vera evidenza di infiammazione all'interno di un tendine, il termine generale tendinopatia dovrebbe essere usato per descrivere una lesione ambigua di un tendine doloroso, gonfio e infiammato. Questo concetto e altre eccellenti informazioni sui tendini sono ulteriormente spiegati in un articolo sull'istopatologia delle tendinopatie comuni di Kahn et al (3).


Conclusione: la nomenclatura è importante da capire quando si parla di lesioni ai tendini; tuttavia, ciò che è più importante è come il trattamento differirà in base al TIPO di lesione ai tendini!


DIFFERENZE TRA TENDINITE VS. TENDINOSI: TRATTAMENTO


Per ribadire ulteriormente la precedente affermazione, lo scopo più significativo della differenziazione tra tendinite e tendinosi sono gli obiettivi e le tempistiche del trattamento. Per trattare efficacemente la tendinite, l'obiettivo è ridurre l'infiammazione con interventi che includano ghiaccio, riposo appropriato e antinfiammatori. Al contrario, per riabilitare efficacemente la tendinosi, l'obiettivo è caricare adeguatamente il tendine, il che favorisce il rimodellamento dei tessuti. Poiché la ricerca ha continuato ad evolversi rispetto alle tendinopatie, ulteriori prove hanno continuato a sostenere l'idea che la maggior parte delle lesioni ai tendini sono lesioni da uso eccessivo. Pertanto, la parte successiva di questo articolo a discuterà le implicazioni della rieducazione per le lesioni ai tendini da uso eccessivo.


DIFFERENZE TRA TENDINITE E TENDINOSI: LESIONI DA SOVRACCARICO


I tendini sono forti, adattabili e funzionano in risposta a come vengono caricati in determinate posizioni. Un tendine sano ideale reagirà in modo non lineare nel tempo quando una quantità appropriata di stress viene applicata al tessuto. Questo concetto di stress-strain è ben spiegato in un recente articolo di Stevens et. al (4). Se un tendine viene caricato ripetutamente oltre la sua soglia, si verificano lesioni. Questo è comune nelle attività e negli sport che richiedono movimenti ripetitivi, come corsa, ciclismo o nuoto. Queste lesioni da uso eccessivo sono spesso associate a errori di allenamento, il che rende molto importante il dosaggio dell'esercizio, inclusa la frequenza, la durata e l'intensità. Poiché le lesioni da tendinosi non hanno la presenza di infiammazione, è difficile razionalizzare interventi come antinfiammatori o ghiaccio per curare efficacemente questi tessuti. Al contrario, il concetto di esercizi eccentrici è stato spesso supportato in letteratura per trattare le lesioni da uso eccessivo.


STRESS VS. CURVA DI DEFORMAZIONE


immagine da: Wikimedia


DIFFERENZE TRA TENDINITE E TENDINOSI: CHE COS'È L'ESERCIZIO ECCENTRICO?


L'esercizio eccentrico si verifica quando un muscolo viene allungato e una forza esterna supera la forza prodotta dal muscolo, come abbassare il braccio di nuovo al fianco dopo un curl del bicipite. L'esatto meccanismo di come gli esercizi eccentrici aiutano a curare le lesioni da uso eccessivo non è chiaro; tuttavia, ci sono varie ipotesi. Una teoria è che questi esercizi aumentino la lunghezza dei tendini, il che riduce la tensione durante l'attività. Un concetto alternativo è che gli esercizi eccentrici aiutino a rimodellare i tessuti, il che consente al tendine di tollerare meglio le sollecitazioni necessarie durante gli esercizi e l'attività. Alfredson et al. Sono stati i primi a condurre uno studio controllato utilizzando esercizi eccentrici per pazienti che presentavano tendinopatia dell'Achilleo (5). I risultati dopo un periodo di allenamento di 12 settimane hanno dimostrato un ritorno all'attività di corsa prima del trauma per le persone coinvolte nello studio, nonché un miglioramento della forza del polpaccio. Inoltre, confrontando esercizi eccentrici ed esercizi concentrici (accorciamento muscolare durante la contrazione attiva) nella tendinopatia dell'Achilleo, i pazienti che eseguivano gli esercizi eccentrici sono migliorati più del gruppo concentrico, con risultati di rilievo rispettivamente dell'82% e del 36%.


COSA ASPETTARSI DEGLI ESERCIZI ECCENTRICI


È importante capire sempre come il corpo dovrebbe avvertire questo genere di esercizi, come muoversi correttamente durante l'esercizio in quanto vengono eseguiti movimenti specifici. Quando si eseguono esercizi eccentrici specifici per lesioni ai tendini da uso eccessivo, si avvertirà un certo disagio che riprodurrà i sintomi maggiormente durante le prime fasi della rieducazione; tuttavia, questo aumento del dolore NON dovrebbe impedire l'attività quotidiana. Quando si iniziano per la prima volta questi esercizi, si dovrebbe iniziare con un allungamento lento e controllato contro poca o nessuna resistenza al fine di costruire la tolleranza dei tessuti. Man mano che il corpo si adatta a questo livello di esercizio, la quantità di resistenza, così come la velocità dell'esercizio, dovrebbe aumentare per creare un ulteriore rimodellamento del tessuto.


Di seguito sono riportati alcuni esempi di esercizi eccentrici per aiutarti a concettualizzare questa forma di esercizio!




Oltre ad altri fattori di rischio che possono causare lesioni ai tendini che sono già stati discussi, c'è anche una parte di letteratura che supporta la flessione dorsale della caviglia limitata come fattore di rischio per il dolore al tallone e la lesione del tendine di Achille, come la raccomandazione di livello B di evidenza supportata dalla pratica clinica.

Linee guida sul dolore d'Achille del Journal of Orthopaedic and Sports Physical Therapy (6).


https://www.nonemaitroppotardivaredo.com/post/come-sbloccare-la-mobilità-della-caviglia

GESTIONE DELLA LESIONE ACUTA


Sebbene molte lesioni ai tendini siano legate a un uso eccessivo, ci sono alcune lesioni correlate ai tendini di natura acuta. A differenza del carico precoce per una lesione cronica, queste lesioni acute che hanno infiammazione necessitano di un periodo di riposo per consentire il verificarsi di quel processo antinfiammatorio. L'infiammazione in eccesso può essere combattuta con interventi che includono riposo a breve termine, ghiaccio e antinfiammatori. Ciò che è importante capire sono i concetti di cui ho scritto di recente in più post del blog: ovvero che prove recenti hanno negato il riposo a letto a lungo termine, il ghiaccio e gli antinfiammatori, poiché questi possono ostacolare la normale fase infiammatoria che è essenziale per i tessuti guarigione!

Vuoi leggere sul ghiaccio? clicca sul link qui sotto.


https://www.nonemaitroppotardivaredo.com/post/la-verità-sulle-lesioni-il-protocollo-rice

CONCLUSIONE


Sebbene il linguaggio dietro le lesioni ai tendini possa risultare tuttora discusso dalla ricerca scientifica, ci sono stati eccellenti contributi alle prove su come guarire efficacemente da questi disturbi. Se hai a che fare con un infortunio fastidioso e da uso eccessivo, è importante consultare un medico o un professionista sanitario esperto, che è in grado di esaminarti, valutare, diagnosticare e trattarti in modo ottimale. Inoltre, capire come puoi modificare la tua attività, ridurre i fattori di rischio per gli infortuni e persino prevenire il verificarsi di questi infortuni ti consentirà di raggiungere i tuoi obiettivi relativi al movimento!


Bibliografia

  1. Wang JH-C, Guo Q, Li B. Tendon Biomechanics and Mechanobiology—A Minireview of Basic Concepts and Recent Advancements. Journal of Hand Therapy. 2012;25(2):133-141. doi:10.1016/j.jht.2011.07.004.

  2. Almekinders LC, Temple JD. Etiology, diagnosis, and treatment of tendonitis: an analysis of the literature. Med Sci Sports Exerc.1998;30:1183-1190

  3. Khan KM, Cook JL, Bonar F, Harcourt P, ??strom M. Histopathology of Common Tendinopathies. Sports Medicine. 1999;27(6):393-408. doi:10.2165/00007256-199927060-00004.

  4. Stevens TJ, Schmitz HA, Szivek JA, et al. A Model for Use in the Prognosis of Tendinopathy. 50th Annual Simulation Symposium (ANSS 2017). 2017. doi:10.22360/springsim.2017.anss.033.

  5. Alfredson H, Pietilä T, Jonsson P, Lorentzon R. Heavy-Load Eccentric Calf Muscle Training For the Treatment of Chronic Achilles Tendinosis. The American Journal of Sports Medicine. 1998;26(3):360-366. doi:10.1177/03635465980260030301.

  6. Martin RL, Chimenti R, Cuddeford T, et al. Achilles Pain, Stiffness, and Muscle Power Deficits: Midportion Achilles Tendinopathy Revision 2018. Journal of Orthopaedic & Sports Physical Therapy. 2018;48(5). doi:10.2519/jospt.2018.0302


ESCLUSIONE DI RESPONSABILITÀ - IL CONTENUTO QUI È PROGETTATO SOLO PER SCOPI DI INFORMAZIONE E ISTRUZIONE E NON È DESTINATO A CONSULENZA MEDICA.

18 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Il Clean: tra falsi miti ed esercizi correttivi

Questa articolo vuole approfondire il gesto del clean attraverso gli occhi di un atleta in viaggio per diventare uno studioso. Discuteremo un ampio spettro di errori e nomi impropri, insieme a spunti