Cerca
  • Luca Andreotti

Specializzazione nell'atleta giovane - Allenarsi come i professionisti.


Molti giovani atleti trascorrono ore nel vialetto di casa a ripetere i gesti dei grandi campioni che gli ispirano.Aspirano un giorno ad arrivare ai vertici come atleti professionisti. Alcuni ci arrivano, altri no, ma si spera che il percorso intrapreso li porti ad amare lo sport! Cosa ci vuole per arrivare in cima? Che aspetto deve avere la formazione degli atleti professionisti da giovani atleti? Hai bisogno di specializzarti solo in uno sport per arrivarci? Scopri tutto sulla specializzazione sportiva e su come allenarti come professionisti fin dall'inizio!


FORMARE LA FORZA PER I GIOVANI


La carriera sportiva di ogni giovane atleta inizia con una curiosità generale o un interesse per uno sport particolare. Questo interesse può essere intrinseco; in cui lo stesso atleta vuole imparare uno sport, o estrinseco; in cui i suoi genitori o forse un allenatore convincono il bambino a partecipare, oppure si verificano entrambi. Un sondaggio di Baxter-Jones e Maffulli del 2003 ha rilevato che i genitori sono stati la più forte influenza per iniziare uno sport, mentre gli allenatori hanno avuto l'influenza più forte per l'atleta di sottoporsi ad un allenamento intensivo in uno sport particolare. Brenner et al 2007 hanno stimato che 30-45 milioni di giovani (6-18 anni) partecipano a qualche forma di atletica. I vantaggi includono lo sviluppo di capacità di leadership, dignità, socializzazione tra pari, lavoro di squadra, schemi di coordinamento e molti altri.


Il dottor Phil ha sempre detto: "non importa quanto sia piatto il pancake, ha comunque due lati". L'altro lato di questa storia è che molti dei nostri giovani atleti affrontano esaurimento, allenamento eccessivo, vergogna e possono persino astenersi dall'attività fisica per tutta la vita a causa di esperienze negative, ottenute facendo sport in giovane età. È probabile che ciò accada quando troppe pressioni e aspettative non realistiche vengono poste sul giovane. Un'aspettativa comune riposta sui nostri giovani atleti è che la specializzazione precoce nello sport porta a maggiori possibilità di arrivare ai professionisti.


SPECIALIZZAZIONE SPORTIVA GIOVANILE DELL'ATLETA: CHE COS'E '?


La specializzazione sportiva è definita come l'allenamento durante tutto l'anno (superiore a 8 mesi all'anno), scegliendo una singola disciplina, o un singolo ruolo, all'interno del proprio sport, ed escludendo completamente tutto il resto. Nel 2016, Myers et al. hanno scoperto che su un campione di 1.200 atleti il ​​30% era altamente specializzato.


SPECIALIZZAZIONE SPORTIVA: DOVE HA ORIGINE?


Secondo Robert Malina 2010, "i fattori che contribuiscono includono la percezione dei programmi sportivi dell'Europa orientale, il desiderio di un genitore di dare a suo figlio un vantaggio, etichettare i giovani come talentuosi in tenera età, il perseguimento di borse di studio e contratti professionali, gli articoli sportivi e industria dei servizi, la ricerca di competenze ". Ad esempio, la Bulgaria ha iniziato a mostrare il predominio nel sollevamento pesi olimpico alla fine degli anni '80. Si dice che scremerebbero i giovani bulgari con movimenti a corpo libero e se gli dovesse piacere quello che hanno visto, inizierebbero a specializzarli nel sollevamento olimpico.


Un'altra teoria postula che la popolarità della specializzazione sportiva si sia verificata dopo l'emergere di Tiger Woods al Mike Douglas Show che fece delle imprese all'età di 2 anni!


L'ultima teoria che menzioneremo è la regola delle 10.000 ore presentata da Ericsson et al 1993. Questa teoria affermava che per diventare un esperto come giocatore di scacchi o musicista, sono necessarie 10.000 ore di pratica deliberata. Malcolm Gladwell ha ulteriormente valutato questo concetto nel suo libro Outliers: The Story of Success. Riassume i fattori che hanno portato a un grande successo in vari campi e fa riferimento alla regola delle 10.000 ore. Questo sembra essere vero per giocatori di scacchi e musicisti, ma per quanto riguarda il campo degli sport professionistici?


SPECIALIZZAZIONE SPORTIVA: DEVONO ALLENARSI COME PROFESSIONISTI?


Non esattamente! Sono necessarie MOLTE ore per raggiungere i livelli di élite, tuttavia, la pratica non deve essere deliberata. Per dimostrare questo punto userò il concetto di reverse engineering; guardando i migliori atleti di tutto il mondo e guardando in modo retrospettivo al loro sviluppo come atleti da giovani. L'allenatore della forza Elsbeth Vaino ha riferito che in tutta la NBA, NFL, NHL e MLB, l'82% dei migliori atleti ha praticato più di uno sport crescendo! Inoltre, Coˆte´ e colleghi hanno indicato che gli atleti esperti "hanno eccelso" in un'ampia gamma di attività sportive prima di ridurre gradualmente il numero di attività e "investire" in un'attività durante la metà e la tarda adolescenza. Questo processo è definito sviluppo atletico a lungo termine ed è il concetto che mi sento di consigliare ai giovani atleti per allenarsi come professionisti!


Il vantaggio di provare più sport e il gioco libero è che consentono lo sviluppo di più schemi di coordinazione e movimento che possono, in seguito, beneficiare lo sport principale. Ad esempio, un giocatore di hockey che ha anche giocato a calcio come giovane atleta sviluppa la coordinazione occhio-piede che in seguito gli darà beneficio sul ghiaccio poiché i suoi pattini possono agire come un altro "bastone"!


Pensa a quanta agilità si guadagna in una partita di palla mano, o quanta accelerazione si impara in una partita di basket e quanta forza si sviluppa arrampicandosi su un albero. I biologi evoluzionisti sottolineano anche che "l'apprendimento implicito (non dichiarativo) è supportato da processi neurali che sono evolutivamente più antichi di quelli che supportano l'apprendimento esplicito". Suggeriscono che l'apprendimento implicito porta quindi a prestazioni più robuste dell'apprendimento esplicito!


SPECIALIZZAZIONE SPORTIVA: SVILUPPO ATLETICO A LUNGO TERMINE VS SPECIALIZZAZIONE SPORTIVA PRECOCE


Nel mondo clinico, la prospettiva generalizzata prima dei test specializzati è il segno distintivo della competenza clinica. Nel regno atletico, schemi motori generalizzati costruiti su fondamenta multidimensionali sono il segno distintivo del movimento specializzato. Questo potrebbe essere il confronto tra le mele e le arance, tuttavia una prospettiva generalizzata le classificherebbe entrambe in frutti da albero! La crescita iniziale di questi due frutti è molto simile. Viene piantato un seme che dà origine all'albero che poi a sua volta dà origine al germoglio, diventando infine il frutto. La differenza sta nell'ambiente in cui crescono questi frutti.


In altre parole, il risultato di questi frutti è in definitiva diverso e dipende dall'ambiente, tuttavia, il loro processo di crescita iniziale è lo stesso. Questo sembra essere vero quando guardiamo indietro a come gli atleti professionisti si allenavano da giovani. Hanno partecipato a un'ampia varietà di sport e gioco libero per molti anni e poi a un certo punto si sono specializzati in uno sport, molto probabilmente a causa delle esigenze ambientali. Ad esempio, l'ambiente del pattinaggio artistico, della ginnastica ai massimi livelli, si verifica in giovane età, facendo sì che la specializzazione sportiva si verifichi molto presto, mentre la specializzazione per altri sport tende a verificarsi più tardi nell'adolescenza.


Post et al 2017 hanno valutato i modelli di specializzazione sportiva delle scuole superiori degli attuali atleti di prima divisione e hanno scoperto che la maggior parte di questi atleti NON era altamente specializzata durante la scuola superiore. Hanno affermato, "la maggior parte degli atleti reclutati per partecipare l'ora di ginnastica alla fine si specializzerà nel loro sport, ma non sembra che la specializzazione precoce sia necessaria per diventare un atleta di prima divisione."


In definitiva, per allenarti come un professionista, ti consiglio di iniziare la tua carriera come un generalista ben sviluppato e passare alla specializzazione quando è il momento opportuno. Prova una varietà di sport, gioco libero e inizia l'allenamento della forza incentrato su un programma completa. Se vuoi approfondire leggi l'articolo su come iniziare l'allenamento di forza nei giovani, ti lascio il link qui sotto:


https://www.nonemaitroppotardivaredo.com/post/come-iniziare-l-allenamento-di-forza-per-i-giovani-atleti


ESERCIZI DI SPECIALIZZAZIONE SPORTIVA DELL'ATLETA


Ecco un esempio di programma completo per un giovane atleta! Completa 2-3 volte a settimana, gli altri 4-5 giorni a settimana sii un bambino!!! Il gioco non strutturato migliorerà le prestazioni! Completa 3 round da 12 ripetizioni ciascuno.



SPECIALIZZAZIONE SPORTIVA: BENEFICI DELLO SVILUPPO ATLETICO A LUNGO TERMINE


L'obiettivo, di iniziare uno sport per QUALSIASI atleta, dovrebbe essere posto sui benefici positivi associati all'attività e allo sviluppo del benessere. È più probabile che ciò accada se i nostri giovani, correlano lo sport o l'attività fisica a esperienze positive. Quando si chiede agli atleti il motivo principale per cui amano praticare sport, Emily Crandall 2007 riferisce che le risposte più comuni sono "divertirsi" e "uscire con gli amici". Le esigenze di specializzazione e il raggiungimento di livelli d'élite possono a volte far dimenticare all'atleta perché ha voluto partecipare in primo luogo.


La ricerca sulla specializzazione sportiva mostra tassi di burnout elevati. Donna Merkel 2013 riporta: "ogni anno circa il 35% dei giovani smette di praticare sport" e "i tassi di abbandono sportivo sono i più alti durante gli anni di transizione dell'adolescenza, quando le influenze ESTERNE hanno il maggior impatto". Inoltre, riferisce che è stato trovato un tasso di abbandono del 70-80% quando un ragazzo raggiunge l'età di 15 anni. I giovani tennisti che si sono esauriti presto hanno riferito di avere meno input nell'allenamento, maggiori critiche e aspettative dai genitori e livelli più bassi di motivazione intrinseca (Gould et al 1996).


L'ultimo inconveniente di specializzarsi in uno sport troppo giovane sono gli infortuni da uso eccessivo. Gli atleti giovani soffrono di lesioni uniche che differiscono dagli atleti adulti.


In una dichiarazione di posizione della National Athletic Training Association, riferiscono che "le lesioni da trauma da uso eccessivo o recidive, rappresentano circa il 50% di tutte le lesioni legate allo sport giovanile".


La ricerca ha riportato alcuni dati:


- per quanto riguarda i tennisti di livello nazionale che hanno partecipato a più di 5 partite internazionali all'anno hanno avuto un notevole incremento di problematiche sport specifiche;

- nei giocatori di football americano si è avuto un incremento di 3,5 volte maggiore di possibilità di infortunio se si giocano più di 100 partite annue;

- mentre invece è di 5,5 volte in più la probabilità di aver bisogno di un intervento chirurgico alla spalla o al gomito se lanci di più di 8 mesi all'anno.

(Jayanthi et al, Fleisig et al, Olsen et al, Silva et al).


Ciò significa che abbiamo la possibilità di prevenire fino al 50% delle lesioni giovanili seguendo le linee guida appropriate!!! L'American Academy of Pediatrics raccomanda, "limitare 1 attività sportiva a un massimo di 5 giorni a settimana, almeno 1 giorno di riposo a settimana da qualsiasi attività fisica organizzata, gli atleti dovrebbero avere almeno 2-3 mesi di pausa all'anno dal loro sport. "


Entriamo un po' più a fondo in questa linea guida. Vedo costantemente il programma giornaliero dei giovani: a scuola, durante la pratica di volley o basket, del calcio e poi la terapia fisica o la forza e il condizionamento. Sono specializzati in un solo sport, e solo in quello, manca una visione più globale di come vada allenato un fisico giovane, ed è solo una questione di tempo prima che si verifichi il burnout. È fondamentale capire che per lo sviluppo atletico a lungo termine sono consigliati più sport ma non tutti nello stesso momento. Allenarsi come un professionista significa comprendere quanto sia importante il recupero nel processo di allenamento, sia fisicamente che psicologicamente. Fatto divertente; nella MLB, due terzi dei lanciatori che hanno vinto 200 o più partite nella loro carriera sono cresciuti nel Nord America. La teoria postulata è che il baseball è difficile da giocare tutto l'anno al nord a causa delle condizioni meteorologiche, quindi sono stati costretti a riposarsi o a praticare un altro sport fino a quando la neve non si è sciolta!


IN CONCLUSIONE


Abbiamo la possibilità di regalare ai bambini un'esperienza positiva con l'attività fisica, sia essa gioco libero o sport organizzato. Sebbene la specializzazione sportiva dell'atleta possa essere competitiva, in quanto allenatori, genitori, operatori sanitari, ecc. manteniamo l'obiettivo dello sport, e dell'allenamento incentrati sul divertimento. Lascia che la passione del bambino si sviluppi per quella particolare attività e saranno auto-motivati a dedicare ore ad allenarsi come professionisti, e un giorno a diventare atleti d'élite!


ESCLUSIONE DI RESPONSABILITÀ - IL CONTENUTO QUI È PROGETTATO SOLO PER SCOPI DI INFORMAZIONE E ISTRUZIONE E NON È DESTINATO A CONSULENZA MEDICA.

21 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Il Clean: tra falsi miti ed esercizi correttivi

Questa articolo vuole approfondire il gesto del clean attraverso gli occhi di un atleta in viaggio per diventare uno studioso. Discuteremo un ampio spettro di errori e nomi impropri, insieme a spunti